Millevaches Authentich 2017 iniziamo la stagione…..

Eccoci pronti per il primo grande evento dei “Treffen” invenrali…… Direzione Francia, verso il Millevache Authentic.

Dopo la stagione estiva con più di 6000km percorsi, ho provveduto ad una revisione generale del px, apportando qualche “modifica” per la stagione invernale. Il viaggio inizia sempre dalla pianificazione, iniziando con l’iscrizione al raduno via web così da poter essere sicuro dell’accesso all’evento, visto il limitato numero di partecipanti.

   

Poi si procede con la preparazione della vespa, una revisione generale dalla scocca, all’impianto elettrico, al controllo del motore, vero cuore della vespa. Però bisogna adeguarla alla stagione invernale, al via con il montaggio delle gomme termiche, del parabrezza, coprigambe e coprimanopole. Proteggiamo l’impianto elettrico, proteggiamo la scocca e revisioniamo l’impianto aggiunivo di presa 12v e faretto supplementare.

Poi bisogna preparare la parte dei ricambi, quindi stabilire cosa può esserci utile come ricambi ed attrezzi, procurarci quello che manca e decidere dove posizionarli per averli subito a portata di mano.

Anche l’abbigliamento è fondamentale in inverno, il freddo non perdona e viaggiare su due ruote aumenta la percezione del freddo.

Quindi ci attrezziamo con prodotti consoni, tenendo conto del budget disponibile; sia dell’abbigliamento da indossare durante il viaggio, sia dell’abbigliamento di ricambio e sia quello da utilizzare all’interno dell’area del raduno.

Anche l’attrezzatura da campeggio è fondamentale, resistere un weekend sotto il cielo stellato con temperature sotto zero dev’essere un divertimento e non diventare una “tortura fisica e psicologica”, in quanto il meteo è molto variabile e si passa dal freddo intenso con raffiche di vento pungente, alla nevicata che può trasformarsi in acqua e far diventare il raduno un “pantano”. Niente elettricità e comodità quotidiane. Non deve mancare l’attrezzatura per cucinarsi qualcosa di caldo e soprattutto un buon caffè italiano!

Poi si passa alla pianificazione su carta dell’itinerario da percorrere per raggiungere il raduno, si fa una ricerca su internet e si riporta il tutto sulle carte topografiche. Amo molto l’utilizzo delle carte stradali, averle in mano mi fa sentire il contatto diretto con il percorso che dovrò percorrere.

In conclusione faccio un resoconto di tutto con una lista dettagliata di ciò che servirà per questo viaggio, tutto scritto sul mio taccuino, viaggio dopo viaggio, raccoglie tutte le liste e le preparazioni che ho fatto in questi anni. Ottimo memoriale che mi consente di non dimenticare nulla prima della partenza.

Ogni viaggio è occasione per “testare” qualcosa, dagli accessori della vespa, all’attrezzatura da campeggio, dall’abbigliamento ai gadget tecnologici…. questa volta faremo il test della nuova macchinetta fotografica….

Ora non ci resta che partire…….

Ujaguar

Lascia un commento