Stagione invernale finita….. provvediamo alla pulizia dei mezzi.

Anche questa stagione invernale volge al termine, tante avventure, tanti km percorsi; ora è il momento di ripulire le nostre amate Vespa da tutto ciò che hanno incontrato sulla strada….. in primis il sale….

Prima cosa svestiamo la nostra vespa dal coprimanopole, coprigambe, tappetino pedana ed eventuali zaini/sacche. Verranno lavati separatamente.

Una volta spoglia, provvediamo a togliere le scocche laterali con lo smontaggio della batteria, ruota di scorta e tutto ciò che abbiamo nel bauletto.

Diamo una lavata superficiale al mezzo con acqua fredda ed asciughiamo il tutto.

Partendo dalla ruota anteriore iniziamo a controllare tutto e ripassare con wd40 o prodotti specifici per la pulizia delle lamiere e parti in plastica.

Ci vuole tanto olio di gomito. Più riusciamo a pulire meglio il mezzo, anche nelle parti più nascoste, tanto avremo il mezzo pronto e protetto per la stagione successiva.

Se si ha a disposizione un cavalletto per sollevare la vespa, il lavoro sarà molto più facile.

Le parti più soggette all’azione corrosiva del sale risultano gli interni dei parafanghi, il sotto pedana, le marmitte e relativi collettori e la parte inferiore del carter motore. Come si può vedere da queste foto il sale ha iniziato a corrodere gli attacchi della marmitta e la marmitta stessa. Sarà necessaria smontarla, pulirla e casomai riverniciarla.

Controlliamo anche gli attacchi degli ammortizzatori alla scocca, dove molte volte “stagna” l’acqua con il sale.

Controlliamo e puliamo qualsiasi parte sporca e passiamo il prodotto specifico. Per le parti cromate vi consiglio di utlizzare il “Sidol”, ottimo rigenerante e protettivo.

Altro controllo da effettuare è la parte superiore della pedana. Bisogna controllare che non ci sia qualche residuo tra la scocca e i listelli.

Nella parte inferiore provvederemo a pulire e poi lubrificare gli attacchi alla pedana e con del grasso la molla del cavalletto.

La nostra Vespa ne sarà grata per la pulizia effettuata. Durante il controllo controlliamo lo stato degli ammortizzatori, dell’impianto elettrico e delle parti in plastica. Tutto ciò che ci risulterà rovinato dovrà essere sostituito.

Altro consiglio è pulire l’interno della chiocciola, rimuovendo il coprivolano. Nel girare il volano può far depositare particelle di sale nella parte bassa della chiocciola che con il tempo si corrode.

Una volta ripulito il tutto possiamo rimontare le gomme estive. Io utilizzo delle classiche Michelin S83. Le gomme invernali smontate con i loro cerchi andranno pulite e gonfiate leggermente. Devono essere riposte in maniera orizzontale onde evitare deformazioni della gomma. Se usurate andranno cambiate con delle nuove prima del rimontaggio.

Controlliamo lo stato della batteria, il freddo non le è amico, e se necessario la mettiamo per qualche ora sotto carica ripristinando se serve l’eventuale livello di acido.

Se avete percorso molti km in condizioni anche “estreme”, è opportuno provvedere anche ad un bel tagliando del motore, con pulizia carburatore, cambio olio e controllo dello stato delle fasce del GT.

Ora siamo pronti per macinare km nella stagione estiva.

Ujaguar

 

Lascia un commento